scooter-1

La chitarra elettrica è uno strumento che prima o poi richiederà un buon amplificatore. Ma come scoprire quale amplificatore è quello buono e quale vi stuferà presto? Speriamo che, una volta letto le seguenti righe, la scelta di un amplificatore diventì più facile. Cominciamo da qui

Qual’è la differenza tra un amplificatore ed un combo?

Amplificatore per chitarra è un termine più frequentemente collegato alla cosiddetta "testa" o “ testata ” che è fondamentalmente un amplificatore dotato di tutto, a parte un altoparlante. Ecco perché si ha bisogno di un altoparlante, che trasformi tutta la magia di un amplificatore nel proprio suono inconfondibile. Nel caso di un combo , è chiaro già dal nome che è una combinazione tra un amplificatore e uno o più altoparlanti. Il combo è più leggero, mobile, ma di solito più piccolo e può quindi essere utilizzato in situazioni piccole. Lo spazio risparmiato verrà apprezzato soprattutto dagli altri musicisti in qualsiasi situazione di prova.

A cosa serve un amplificatore/combo?

Questo è l'inizio di una delle tappe più importanti nella scelta dell'apparecchiatura. Tenete presente che per i generi più silenziosi sono sufficienti le combo più piccole, quelle che escono con un suono chiaro. Quando si sta provando a casa, apprezzerete l'elevata funzionalità e la compattezza delle modelli combo di piccole dimensioni. Mentre in un vero e proprio concerto, il suono ha bisogno di qualcosa di più. Scegliete dunque il vostro nuovo amplificatore in base al suo futuro utilizzo.

scooter-2

Esistono modelli base di amplificatori?

Gli amplificatori possono essere suddivisi in amplificatori a valvole (o valvolari), amplificatori a transistor e amplificatori ibridi. Questa divisione non rappresenta solo la struttura ed il tipo, ma anche il suono caratteristico, le dinamiche e alcune altre caratteristiche che ne definiscono le generalità. Il cosiddetto amplificatore valvolare è considerato un vero classico. Questo non significa però che il vostro amplificatore ideale non sarà uno a transistor o un ibrido.

Perchè scegliere un amplificatore a transistor?

Gli amplificatori a transistor sono stati sviluppati come alternativa moderna e affidabile agli amplificatori a valvole ed hanno vissuto il loro grande momento di fama negli anni '80. Questo tipo di ampli sono noti per le loro dinamiche meno profonde e per un pitching più naturale, ma sono anche più affidabili grazie alla loro struttura estremamente robusta. Inoltre, i transistor hanno meno probabilità di distorcere naturalmente il suono, ecco perché questi amplificatori conservano un suono molto forte e chiaro. Sono infatti una scelta perfetta per musicisti jazz.

Perchè scegliere un amplificatore valvolare?

Gli amplificatori valvolari sono il vero classico e la prima scelta per la maggior parte dei chitarristi. Questa lunga e vecchia tipologia di costruzione di ampli offre un suono molto naturale e dinamico. Le valvole però sono fragili e suscettibili a causa della temperatura, dell'umidità o delle forti vibrazioni. Gli amplificatori a valvole sono noti per la loro naturale distorsione, che è molto ricca di armoniche, confortevole e risponde prepotentemente quando si utilizzano diversi pedali.

Perchè scegliere un amplificatore ibrido?

Nella maggior parte dei casi un amplificatore ibrido offre il meglio tra entrambi i mondi legati all’amplificazione. Il preamplificatore utilizza le valvole mentre la post-amplificazione, responsabile del volume e dell'uscita complessiva, sono transistor. Sono noti per la loro affidabilità, dinamica e un suono più che decente.

Quale combo/amplificatore ho bisogno per avere potenza?

L'uscita e la sua potenza sono un altro fattore che influenza fortemente la soddisfazione finale del chitarrista. Tuttavia, prestate attenzione quando guardate i numeri. È possibile considerare l'output come riferimento per il volume, ma la regola generale è che con gli stessi amplificatori a valvole in uscita sono SIGNIFICAMENTE più potenti degli amplificatori a transistor. Ciò è particolarmente vero con le combo di potenza inferiore ai 15-30W. Se si considera la situazione ipotetica, che si desidera suonare in una banda con un batterista, sarà necessario un amplificatore transistor con almeno 50W, mentre considerando gli amplificatori valvolari 15W potrebbero essere sufficienti. Se avete intenzione di suonare a casa o di provare con un amico con uno strumento acustico, non si avranno problemi anche con un combo da 20-30W.

scooter-2

Ci sono altre differenze da considerare oltre all’uscita?

Il suono di un combo è in gran parte influenzato dal posizionamento degli altoparlanti. In primo luogo, il diametro degli altoparlanti ne influenza il suono. Altoparlanti con un diametro di 8 " propongono un suono meno pieno rispetto a quelli da 12". Combo con 2 altoparlanti da 12” (2x12) sono invece perfetti per grandi concerti in club o locali.

I combo o gli amplificatori vanno bene anche per chitarre semiacustiche?

Non ci sono limiti all'immaginazione e alla creatività, ma se volete ottenere il meglio dalla vostra chitarra semiacustica vi consigliamo i combo per chitarra acustica. Questi combo specializzati lavorano su frequenze adatte ad una piena e naturale espressione dello strumento acustico non perdendo suono tramite eccessive distorsioni.

Mi serve qualcos’altro oltre al combo?

Avete ora una migliore idea di quale combo o amplificatore è giusto per voi? Non dimenticare il cavo necessari allo strumento . Poiché questa particolarità è in realtà il collegamento diretto tra il vostro strumento e il suono desiderato. A volte vale la pena includere un paio di pedali effetti speciali tra il combo e la chitarra. Come sceglierne alcuni interessanti, lo puoi trovare qui . Vi auguriamo un sacco di divertimento scoprendo molteplici suoni possibili!

© 2004-2019 Muziker | Come scegliere un combo chitarre
Logo muziker
Non perderti le nostre offerte speciali. Attiva le notifiche.
attivare